presezzo2016

Il Gran Capitolo Aisdo è stato organizzato come ogni anno con grande attenzione.
I nostri Confratelli dal Belgio sono venuti numerosi per festeggiarlo, e sono rimasti contenti del programma turistico culinario preparato per loro in vari luoghi della nostra regione.

A Bergamo dopo un pranzo dal nostro Cavalier Aresi proprietario del locale Porta Osio siamo andati a visitare il monastero di Astino dove una guida ci ha presentato i vari luoghi storici. La sera li abbiamo abbuffati con una serie di pizze con del buon prosecco, terminando la serata con degli ottimi dessert e birra.

La giornata di sabato è stata impostata a Milano, dove abbiamo visitato il Castello Sforzesco e pranzato dal nostro Amico nonché futuro Cavaliere d’Orval Francesco Passalacqua, dove abbiamo degustato alcune prelibatezze anche prodotte con la nostra birra Orval.
Al termine della giornata, come ogni anno, ci siamo incontrati dal nostro Cavalier Chicco Coria chef e Patron del locale One Restaurant di Dalmine, finendo la cena con birra, grappe e canti di gioia.

La domenica giornata del nostro Gran Capitolo, abbiamo ricevuto oltre cento persone nella sala Caravaggio dell’Hotel-Ristorante Gourmet – Settecento a Presezzo.
Dopo l’apertura del Gran Capitolo, il nostro G.M.A. Nel ringraziare tutti coloro che erano presenti ha voluto ricordare con un breve discorso i primi anni della nostra esperienza di Ambasciata, presentando in via eccezionale una parte del lavoro che stiamo programmando per la realizzazione del libro inerente alla storia di Orval, con particolari su Matilde di Canossa, l’Abbazia ed infine la storia della Birreria sin dai tempi della sua Risurrezione.
La cerimonia ha avuto seguito con la Togatura di otto Cavalieri fondatori, chiudendo il numero massimo dei togati italiani, proseguendo con la nomina di ben 14 nuovi Cavalieri provenienti da varie parti del nostro Paese. Dopo la cerimonia e il brindisi generale di tutti i partecipanti siamo passati alle foto ricordo di rito e la cerimonia di apertura di una forma di Parmigiano reggiano di un noto caseificio della zona di Reggio Emilia, dove una forma di ben 36 mesi è stata aperta dal Casaro.
Una parte di questo formaggio è stato consumato tra gli applausi di tutti, mentre l’altra parte è stata donata a piccoli pezzetti a tutti coloro che la richiedevano.
La tanto attesa lotteria è stata organizzata dai nostri Cavalieri Cerimonieri con ricchi premi.
La serata ha avuto termine con una spaghettata riservata solo ai Cavalieri togati nella cantina
del ristorante Settecento con un arrivederci all’anno prossimo.